mercoledì 15 settembre 2021

Top 5: Settembre 2021

5 - La ragazza di Stillwater - Tom McCarthy (voto 7)
Il film è molto liberamente ispirato al caso di Amanda Knox, ma McCarthy ne approfitta per caricare sul peso e sul corpo di Matt Damon un modus operandi che rispecchia quello degli Stati Uniti d'America nei confronti degli altri Paesi: individualismo, ricerca autonoma di vendetta, e poi disillusione. Troppo lungo - quasi due ore e mezza, con passaggi non sempre necessari - ma svuotato di retorica a stelle e strisce, è un thriller ambientato a Marsiglia che sa dialogare con i chiaroscuri dei personaggi, e che non consola.

4 - Qui rido io - Mario Martone (voto 7)
Per chi ama il teatro napoletano è una visione imperdibile, obbligatoria. Per tutti gli altri può essere un buon modo per avvicinarsi alla tradizione partenopea, partendo dalla figura mitologica di Eduardo Scarpetta, interpretato da un Toni Servillo irrefrenabile, dongiovanni che si fa emblema del diritto alla parodia, sbeffeggiando in un'opera teatrale non molto riuscita La figlia di Iorio del vate fascista Gabriele D'Annunzio. Il rischio è quello di rivolgersi a un pubblico selezionato, ma il messaggio è universale.

3 - Il gioco del destino e della fantasia - Ryusuke Hamaguchi (voto 7)
Il regista è il nome di punta del nuovo cinema giapponese: influenzato dallo scrittore cult Haruki Murakami, dirige tre episodi intelligenti, divertenti e agrodolci, a tratti crudeli, in cui il fato determina il percorso dei personaggi. I sentimenti e l'amore sono i temi centrali di una scrittura dettagliatissima, raffinata e attenta agli sfondi psicologici, ai mutamenti impercettibili dell'animo, che sa anche parlare di sessualità in maniera del tutto naturale, realistica e pudica. Orso d'argento al Festival di Berlino.

2 - Dune - Denis Villeneuve (voto 8)
Esperienza cinematografica sensoriale totalizzante. Dopo essere stato portato sullo schermo da David Lynch nel suo unico fallimento registico, il romanzo sci-fi di Frank Herbert trova la sua miglior traduzione immaginifica possibile: tutto è azzeccato, a partire dalla cura tecnica, sonora e visiva straordinaria, che catapulta in un universo sconosciuto, eppure immedesimabile. La complessità è all'altezza della profondità psicologica del libro originale: la guerra è soprattutto quella contro le proprie paure e i propri demoni, passati, presenti e futuri.

1 - Il collezionista di carte - Paul Schrader (voto 9)
Cinema americano allo stato puro, figlio della New Hollywood degli anni Settanta, ma ancora eccezionale e preciso nel racconto di un'America squallida, vigliacca e violenta, disperatamente alla ricerca di redenzione. Il protagonista William Tellich è il Travis Bickle dei giorni nostri, più consapevole ma anche più disilluso, destinato a una fine che non mette in discussione: il carcere come luogo dell'anima, spazio chiuso dove i perdenti di oggi sopravvivono con il gioco d'azzardo, contando le carte, e immaginando una storia d'amore separata da un vetro. 




martedì 24 agosto 2021

Top 5: Agosto 2021

5 - Fast & Furious 9 - Justin Lin (voto 7)
Una saga dal successo granitico, che ha saputo rinnovarsi, migliorarsi e reinventarsi nel corso del tempo, capace di non deludere le attese del suo preciso ma affollato target di pubblico: elogio della famiglia intesa non soltanto come legame di sangue, sequenze action spettacolari e mozzafiato, ritmo e divertimento. Un'epopea sgangherata e romantica, che ha trovato gli ingredienti semplici per essere sempre seguita da chi se n'è innamorato. Ormai è inutile discuterne, Dom Toretto è una grande icona popolare, al pari di Rocky Balboa e Vasco Rossi. In sala

4 - Blackout Love - Francesca Marino (voto 7)
La più grande attrice comica e brillante italiana di oggi si chiama Anna Foglietta. Questo film leggero, fragilino e divertente è il suo manifesto mattatoriale: il ruolo di mangia-uomini disillusa, arrabbiata e cinica le concede il "green pass" per dimostrare tutta la sua carica fisica e recitativa irrefrenabile, grazie a uno script insolito per la medietà della nostra commedia, più vicino a quello di una rom-com americana. L'ultima mezz'ora rischia di sbriciolare la freschezza di base, ma nel complesso si ride molto. Su Amazon Prime Video

3 - Jungle Cruise - Jaume Collet-Serra (voto 7)
Il miglior blockbuster dell'estate è un omaggio al vecchio cinema d'avventura per famiglie, filtrato dall'immaginario di una mitica attrazione dei parchi di divertimento Disney. Fracassone e pieno di omaggi, che spaziano dall'ovvio Pirati dei Caraibi ai sofisticati Highlander e La regina d'Africa, districandosi tra dialoghi da slapstick comedy in cui emergono la simpatia naturale di un action hero come Dwayne Johnson e la brillantezza, l'eleganza, la classe e la bellezza mai ostentata della favolosa Emily Blunt. In sala

2 - Tigers - Ronnie Sandahl (voto 7)
Storia vera di Martin Bengtsson, un calciatore diciassettenne, talentuosissimo, comprato dall'Inter nel 2004, travolto dalle regole della società e dello spogliatoio, dal bullismo dei compagni della Primavera e dalle aspettative sue e dei dirigenti nerazzurri. Un bel film sui lati oscuri del calcio, sull'ambiente tossico delle giovanili, sulle pressioni, sulle fragilità dei calciatori e sui fallimenti. Martin trovò il coraggio di mandare a cagare tutti quanti dopo pochi mesi, e oggi fa il musicista in Svezia. L'ambiente Inter non ne esce bene, ma ne ha autorizzato la realizzazione: chapeau. In sala

1 - La ragazza con il braccialetto - Stéphane Demoustier (voto 8)
Romanzo adolescenziale e legal drama, messa in scena rigorosa ed essenziale, che rifugge ogni tipo di ricatto morale ed enfasi. Il processo nei confronti di una diciottenne accusata di aver ucciso brutalmente la sua migliore amica è avvincente, ma il vero enigma indecifrabile e inestricabile è l'interpretazione dei pensieri e dei sentimenti di una ragazza che non concede debolezze e trattiene le emozioni, lasciando in dubbio costante tra innocenza e colpevolezza. Il volto affettuoso, spaesato del papà Roschdy Zem è il valore aggiunto di un film teso e pulsante, ma straordinariamente minimale. In sala




lunedì 19 luglio 2021

Top 5: Luglio 2021

5 - La felicità degli altri - Daniel Cohen (voto 7)
Esempio di cinema francese medio borghese, ben scritto, ben strutturato, feroce al punto giusto. L'armonia di due coppie di amici s'incrina quando la più sottostimata del gruppo si rivela una talentuosa scrittrice, e diventa l'autrice di un bestseller: da quel momento, l'ipocrisia e l'invidia prendono il sopravvento e sbriciolano ogni tipo di legame autentico. Raffica di dialoghi, impianto teatrale, quartetto d'attori affiatato: con uno sforzo di originalità in più sarebbe potuto diventare un piccolo cult.

4 - Atlas - Niccolò Castelli (voto 7)
Elaborazione del lutto e faticoso ritorno alla vita da parte di una giovane scalatrice sopravvissuta a un attentato terroristico, che ha causato la morte di tutti i suoi migliori amici. Un film realizzato su misura per le sfumature drammatiche di Matilda De Angelis, attrice sempre più in crescita ed eclettica. Alcuni passaggi appaiono facili (il cambiamento dei rapporti nei confronti dell'altro), ma si apprezza la volontà di cercare uno sguardo intimo, che indaghi le fragilità e che sia privo di risposte consolatorie.

3 - Occhi blu - Michela Cescon (voto 7)
Esordio anomalo e ambizioso, che guarda alla scrittura dei "giallonoir" del primo Dario Argento e alle suggestioni notturne e psichedeliche di Nicolas Winding Refn. Nonostante alcune ingenuità e incongruenze, va premiato il coraggio di ignorare ogni compiacimento nei confronti delle mode di oggi del cinema di genere: niente estetica "da fumetto", ma lo sfondo di una Roma solitaria e deserta, dove si muovono personaggi tormentati senza una meta precisa. Sfoggio di abilità registiche e musica jazz: quando l'abito fa il monaco.

2 - Marx può aspettare - Marco Bellocchio (voto 8)
Il maestro Bellocchio di Bobbio, 81 anni, si dimostra ancora una volta lo sguardo più libero e sperimentale del nostro cinema: un documentario familiare, dove si dialoga con tutti i parenti che hanno vissuto e non hanno potuto impedire il suicidio dell'amato fratello Camillo. Un lavoro autoreferenziale e con un fine espiatorio ed esorcizzante, senza dubbio, ma anche una parafrasi di gran parte della filmografia del suo regista. Un saggio sul significato della parola "autore" e una riflessione, ironica e commovente, sull'impossibilità di separare pubblico e privato, la vita artistica con il proprio mondo.

1 - Estate '85 - Francois Ozon (voto 9)
Il senso di Ozon per l'estate: in francese été, che significa anche "è stato". Il melodramma definitivo dedicato alla stagione più calda e sfaccettata, da sempre compressa tra spensieratezza, passione e tragica fatalità. E il regista francese, a volte fin troppo proficuo, recupera molti temi del suo capolavoro Frantz, dall'elaborazione del lutto alla costruzione mentale dei sentimenti, dagli amori assenti alla necessità di fuggire dalle storie del passato. Un film dolente, in grado di flirtare con gli archetipi della leggerezza, tra canzoni dei Cure e travestimenti. Un nuovo fondamentale romanzo di formazione.




mercoledì 2 giugno 2021

Top Ten: Classifica Primo Semestre 2021

10 - Rifkin's Festival - Woody Allen
Senile, autoreferenziale, pieno di omaggi cinefili non sempre giustificati. Qualche trovata un po' vecchiotta e riflessioni sull'esistenza già formulate. Pace. Woody se ne frega e gira il film che piace a lui, con le dinamiche relazionali che conosce e con il sarcasmo che morde sempre nei confronti di un presente ipocrita, tra pose d'autore e la consapevolezza che siamo tutti di passaggio. La fine è vicina, ma finché è possibile meglio rimandarla. Allora perché non innamorarsi di nuovo e lodare ancora una volta il cinema che amiamo?

9 - Una donna promettente - Emerald Fennell
Sceneggiatura di ferro premiata con l'Oscar e una Carey Mulligan perfida e geniale, in guerra dichiarata contro il genere maschile. Sbaglia però chi ha eletto l'opera prima della Fennell come un manifesto iper-femminista: è un ribaltamento dei cliché del "rape and revenge movie" e soprattutto una constatazione della degenerazione del conflitto tra i sessi. Feroce, a tratti sgradevole ed esagerato, ma è l'esempio di un cinema americano indie capace finalmente di scuotere e di creare dibattito, suscitando reazioni opposte.

8 - Jungleland - Max Winkler
Pugilato e dramma famigliare proletario: come vincere facile. Charlie Hunnam e Jack O'Connell interpretano due fratelli che si ribellano a un boss della malavita: un trionfo di quelle tipiche emozioni che incendiano i film di uomini sul baratro, costretti a combattere per la sopravvivenza. Tra nottati alcoliche e violente rese di conti, quello che rimane è sempre il romanticismo controverso che caratterizza il rapporto maschile di fratellanza. 

7 - Pieces of a Woman - Kornél Mundruczò
Un dramma sull'elaborazione del lutto, costituito da un prologo di mezz'ora incentrato su un piano sequenza mozzafiato, un'autentica immersione nell'odissea di una donna che sta attraversando un parto complicato. I restanti cento minuti si soffermano invece sulla ridefinizione della personalità della protagonista, vittima dello sguardo e del giudizio delle persone che la circondano. Virtuosistico, profondo e anti-retorico, il risultato è un salutare pugno nello stomaco, una riflessione sul corpo e sull'identità femminile che non concede letture scontate. Magnifica Vanessa Kirby.

6 - Judas and the Black Messiah - Shaka King
Da una parte un leader, un poeta, un rivoluzionario; dall'altra un ladro, un doppiogiochista, un traditore. Recuperando la storia e la lotta di Fred Hampton, considerato un nemico pubblico per gli Usa da J.Edgar Hoover, il regista Shaka King fa emergere la centralità di un personaggio cruciale per le battaglie degli afroamericani, non soltanto per la parità razziale ma anche per un'equità sociale ed economica. E mescolando il thriller politico con il dramma interiore e psicologico del "Giuda" William O'Neal, celebra un riferimento fondamentale per il movimento del Black Lives Matter.

5 - Malcolm & Marie - Sam Levinson
Una coppia afroamericana fa esplodere le tensioni represse dopo aver partecipato a una serata di gala. Inizia così un gioco al massacro, pretesto per riflettere su femminismo e parità di diritti, ma anche sulle contraddizioni che accompagnano il processo creativo di un artista, influenzato dai propri rapporti personali. Messa in scena impeccabile, direzione degli attori favolosa, un'impostazione teatrale che si rende cinema grazie a una regia che sa evidenziare i sottotesti. E in più, un'intuizione folgorante sui generi possibili dell'era pandemica: il kammerspiel in casa, il catastrofico là fuori.

4 - Nuevo Orden - Michel Franco
Il ritratto di un Messico violento e disperato, devastato dal conflitto sociale, in cui la rivoluzione proletaria è indirizzata a scopo politico per un colpo di stato militare. Uno shock ideologico e visionario, dove gli elementi più efficaci sono il realismo e la potenza con cui la rabbia del popolo emerge durante uno sfarzoso matrimonio dell'alta borghesia. Una sorta di Joker realista, senza icone anarchiche,  ma con lo stesso caotico disagio di un presente sempre più spaccato dalle differenze di classe e dalle ingiustizie. 

3 - Bad Luck Banging or Loony Porn - Radu Jude
Benvenuti nel cinema post-pandemico, dove i personaggi girano con le mascherine e la messa in scena si adatta alle restrizioni sanitarie. Ne beneficiano la creatività e la sperimentazione: regia d'osservazione, pochade, saggistica, un ritratto surreale dell'ipocrisia che riguarda tutto il mondo che accede ai social network. Oltre a una riflessione sottilissima sul valore e sul senso delle immagini che ci circondano, dai filmini porno casalinghi all'orrore dell'estetica dei consumi. Disomogeneo e a tratti sgangherato, ma innovativo e dotato di sana follia.

2 - The Father - Florian Zeller
Adattamento di una pièce teatrale, realizzato su misura per la straripante bravura di un Anthony Hopkins dolente, straziante, smarrito. Una rielaborazione folgorante del cinema sulla vecchiaia, che filtra con le allucinazioni tipiche dell'horror e reinventa le confusioni del genere labirintico. Un'esperienza cinematografica che adotta il punto di vista di chi vive l'Alzheimer, attraverso una narrazione volutamente incoerente e contraddittoria. Impietoso e sorprendente, arricchito da un cast di contorno eccezionale. 

1 - Un altro giro - Thomas Vinterberg
Quattro maschi etero di mezza età, mediamente annoiati, sperimentano su se stessi la teoria secondo cui nasciamo con un deficit di alcol nel sangue. Niente di più lontano da moralisti e bacchettoni: Vinterberg celebra la vita e i suoi aspetti più tragicomici, concentrandosi sull'inevitabilità dell'ingrediente alcolico nell'affrontarla. Non è un inno gratuito all'eccesso, ma un ritratto umano e compassionevole nei confronti di un'esistenza che può rivelarsi una gabbia, oppure una leggera danza ebbra di spensieratezza e di consapevolezza verso l'ineluttabile. 




martedì 20 aprile 2021

Top 5: Aprile 2021

5 - Il sabba - Pablo Aguero (voto 7)
Tremate, tremate, le streghe son tornate. Ma in questo dramma storico, femminista e orrorifico a essere condannate al rogo sono sei ragazze vittime dell'inquisizione e della incapacità maschile di mettersi in relazione con l'altro sesso: il sabba demoniaco non è altro che una provocazione erotica per sovvertire il Potere con le armi del corpo e della seduzione. Realista, visionario, potente: le atmosfere cupe e lugubri sono bilanciate dalla vitalità e dall'energia di Amaia Aberasturi, la principale "incantatrice". Disponibile su Netflix

4 - Night in Paradise - Park Hoon-jung (voto 7) 
Action, melodramma, noir, nella miglior tradizione del cinema asiatico: un film di genere romantico, pessimista, in cui il protagonista è un gangster che cerca rifugio in un'isola dopo aver ucciso il boss criminale sbagliato. Si riconoscono molte tracce del cinema metafisico di Takeshi Kitano e delle maschere crepuscolari di Jean Pierre-Melville in questo tesissimo thriller, che trova i suoi passaggi migliori nella descrizione di una dinamica sentimentale senza futuro. Disponibile su Netflix

3 - Jungleland - Max Winkler (voto 8)
Pugilato e dramma famigliare proletario: come vincere facile. Charlie Hunnam e Jack O'Connell interpretano due fratelli che si ribellano a un boss della malavita: un trionfo di quelle tipiche emozioni che incendiano i film di uomini sul baratro, costretti a combattere per la sopravvivenza. Tra nottati alcoliche e violente rese di conti, quello che rimane è sempre il romanticismo controverso che caratterizza il rapporto maschile di fratellanza. On Demand

2 - Judas and the Black Messiah - Shaka King 
(voto 9)
Da una parte un leader, un poeta, un rivoluzionario; dall'altra, un ladro, un doppiogiochista, un traditore. Recuperando la storia e la lotta di Fred Hampton, considerato un nemico pubblico per gli Usa da J. Edgar Hoover, il regista Shaka King fa emergere la centralità di un personaggio cruciale per le battaglie degli afroamericani, non soltanto per i diritti e la parità razziale ma anche per un'equità sociale ed economica. E mescolando il thriller politico con il dramma interiore e psicologico del "Giuda" William O'Neal, celebra un riferimento fondamentale per il movimento del Black Lives Matter. On Demand

1 - Nuevo Orden - Michel Franco (voto 9)
Il ritratto di un Messico violento e disperato, devastato dal conflitto sociale, in cui la rivoluzione delle milizie proletarie viene soverchiata da un colpo di stato militare. Un vero e proprio pugno nello stomaco, dove gli elementi più efficaci sono il realismo e la potenza con cui la rabbia del popolo emerge durante uno sfarzoso matrimonio dell'alta borghesia, in una delle sequenze più scioccanti viste negli ultimi anni. Una sorta di Joker realista, senza icone anarchiche, ma con lo stesso caotico disagio di un presente sempre più spaccato dalle differenze di classe. Disponibile su IWonderfull e #iorestoinsala




venerdì 26 marzo 2021

Top 5: Marzo 2021

5 - The Rental - Dave Franco (voto 7)
Un horror casalingo dallo spirito indie e con un sottile sottotesto sociale, sulla scia dei recenti The Strangers e Noi: due coppie affittano una villa sull'oceano per il weekend ma il proprietario razzista li osserva e spia la loro intimità. Alla fine non si salverà nessuno, neppure la ragazza di origini mediorientali che dovrebbe rappresentare la quota femminista del politicamente corretto ma è propensa come tutti gli uomini al tradimento. Ci si diverte per poco meno di un'ora e mezza, senza vergognarsene. Disponibile su Amazon Prime Video

4 - The Climb - La salita - Michael Angelo Corvino (voto 7)
Bromantic comedy più drammatica di un film medio di Judd Apatow e con un'autorialità registica decisamente più ambiziosa, a partire dalla divisione in capitoli e dalla costruzione dei pianosequenza. Storia di un triangolo amoroso, dove il protagonista non riesce mai a voler male al suo migliore amico, nonostante lo tradisca più volte con la sua compagna. La scrittura è brillante e autentica, il sentimento maschile di fratellanza viene espresso in maniera esemplare. Disponibile su Sky On Demand

3 - Ti meriti un amore - Hafsia Herzi (voto 7)
La musa di Abdellatif Kechiche, classe 1987, rimasta nella storia del cinema per la sua ipnotica e indimenticabile danza del ventre nel capolavoro Cous cous, debutta dietro la macchina da presa con la propria autobiografia sentimentale, guardando un po' a Woody Allen per la costruzione dei personaggi e soprattutto al suo mentore e maestro per la capacità di penetrare negli scarti emotivi e di cogliere gli aspetti più profondi della quotidianità. E realizza un film delizioso. Disponibile su Amazon Prime Video

2 - Quasi Natale - Francesco Lagi (voto 8)
Tre fratelli si ritrovano nella vecchia casa della madre, ricoverata in ospedale, prima di Natale e ciascuno fa riemergere a modo suo ricordi belli e ferite ancora aperte. Si aggiunge anche la presunta compagna di uno dei tre, fondamentale per mantenere un precario equilibrio. Sotto si nasconde la consapevolezza del dolore imminente, ma lo sguardo del regista è delicato e poetico, evidenzia la forza degli affetti e rinnega il luogo comune dei parenti serpenti, pur nella difficoltà di convivere. Disponibile su Sky On Demand

1 - Zack Snyder's Justice League - Zack Snyder (voto 8)
Il film che i fan volevano e che non doveva realizzarsi adesso c'è, forse anche per merito del momento storico dove sono possibili quattro ore divise in sei capitoli, nell'era dell'home vision forzata. Piaccia o meno, Snyder ha stile e una sua idea di cinema, cupa, apocalittica, ipertrofica, senza nascondere la lettura cristologica e messianica di una saga forse sbagliata, esageratamente kitsch, ma con una potenza pessimistica che non si è mai permesso nessun blockbuster. E la ripetitività delle scene d'azione viene compensata da una caratterizzazione dei supereroi sorprendentemente umana ed empatica. Disponibile su Sky On Demand





mercoledì 17 febbraio 2021

Top 5: Febbraio 2021

5 - Est - Dittatura Last Minute - Antonio Pisu (voto 7)

Tre vitelloni romagnoli venticinquenni con l'intento di "andare a figa" nell'Est comunista fanno i conti con la realtà sociale dei fatti, con il dramma della povertà e della disperazione della Romania di Ceausescu. Un mese dopo crollerà il muro di Berlino, ma tutti rimarranno in attesa di un mondo migliore. In colonna sonora ci sono Battiato, ma anche Al Bano e Romina. Lodo Guenzi e i due amichetti cazzeggiano con malinconia come nei migliori film di Salvatores. La commedia è gradevole, tenera, simpatica. Disponibile su Sky Primafila

4 - Camille - Boris Lojkine (voto 7)

Ritratto umile e commosso di Camille Lepage, fotoreporter francese rimasta uccisa nella Repubblica Centrafricana nel 2014 durante la guerra civile in uno scontro tra fazioni opposte. Didattico ma non scontato nella riflessione sul coraggio di una scelta e sulla necessità di una professione in un contesto storico come quello contemporaneo, dove l'autenticità dell'immagine e la testimonianza diretta sono elementi sempre più attaccati e messi in crisi. Disponibile su Amazon Prime Video

3 - Adolescentes - Sébastien Lifshitz (voto 7)

Documentario immersivo e d'osservazione sulla quotidianità di due ragazze della provincia francese nate nel 2000, che crescono e si formano con i social nel sangue e si scontrano con l'attualità della Storia e con il trauma nazionale degli attentati terroristici del 2015 alla redazione di Charlie Hebdo e al Bataclan. Lo sguardo di Lifshitz è molto pudico ma non tralascia niente: relazioni, sesso, rapporti con le istituzioni scolastiche, demoni personali e famigliari. Un Boyhood realista e molto spoglio. Disponibile su Amazon Prime Video

2 - Just Kids - Christophe Blanc (voto 8)

Dramma emozionante, dinamico e senza piagnistei, su tre fratelli dai 10 ai 19 anni che elaborano il dolore della morte dei genitori, a breve distanza, costretti a riorganizzare i rispettivi mondi. Recitato in modo formidabile da Kacey Mottet Klein (il più grande) e Andrea Maggiulli (il piccolo), riesce a penetrare nelle sfumature dell'animo di chi affronta la perdita ma si trova, inconsapevolmente e per ragioni anagrafiche, desideroso di vita. La regia del francese Blanc si regge su equilibri emotivi precari, in Italia nessuno è capace di farlo. Disponibile su Amazon Prime Video

1 - Malcolm & Marie - Sam Levinson (voto 9)

Una coppia afroamericana fa emergere le tensioni represse dopo aver partecipato a una serata di gala. Inizia così un gioco al massacro, pretesto per riflettere su temi come femminismo e parità di diritti, ma anche sulle contraddizioni che accompagnano il processo creativo di un artista, influenzato dai propri rapporti personali. Messa in scena impeccabile, direzione degli attori favolosa, un'impostazione teatrale che si rende grande cinema grazie a una regia che sa evidenziare i sottotesti. E in più, un'intuizione folgorante sui generi possibili dell'era pandemica: il kammerspiel in casa, il catastrofico là fuori. Disponibile su Netflix









domenica 24 gennaio 2021

Top 5: Gennaio 2021

5 - Official Secrets - Segreto di stato - Gavin Hood (voto 7)
Storia vera di Katharine Gun, analista britannica che nel 2003 venne accusata di spionaggio per aver diffuso pubblicamente una email della National Security Agency, finalizzata a guadagnare voti per attaccare militarmente l'Iraq. Il ritorno del cinema d'impegno civile più classico, con citazione esplicita della Gola Profonda di Tutti gli uomini del Presidente. Niente di nuovo, ma utile per ribadire le menzogne e i giochi sporchi che coinvolgono le massime istituzioni. E per ricordare una guerra infame. Brava, come sempre, Keira Knightley. Disponibile su Sky On Demand

4 - Someone, Somewhere (Deux moi) - Cédric Klapisch (voto 7)
Un ragazzo e una ragazza, trentenni, dirimpettai, solitari, schiacciati da una vita professionale e sentimentale insoddisfacente, che li spinge verso la depressione. Ma è un film di Klapisch: il finale è ottimista, e Parigi è molto di più di un semplice sfondo. Cinema francese medio, profondo, delicato e intelligente, sensibile a tratteggiare le molteplici sfumature dell'animo umano. Tutto già visto? Probabilmente sì, ma è uno sguardo che rassicura e conforta, in un'epoca sempre più spersonalizzante. Disponibile su Sky On Demand

3 - La tigre bianca - Ramin Bahrani (voto 7)
Una bella sorpresa d'inizio anno, sorprendentemente cinica, adattamento di un bestseller dello scrittore indiano Aravind Adiga, dove l'autista di una ricca famiglia di New Delhi scala le gerarchie di classe, riuscendo a emanciparsi dalla sua condizione di servo grazie a un progetto astuto che degenera nelle forme del super-capitalismo più spietato. Un incontro ideale tra dramma sociale, thriller d'influenza hollywoodiana e racconto di un Paese controverso, diviso tra tradizione e aspirazione verso il successo e il mito del denaro. Disponibile su Netflix

2 - One Night in Miami - Regina King (voto 7)
Un campione del mondo dei pesi massimi, il più grande giocatore di football di sempre, un cantante crooner e il più discusso leader afroamericano del XX secolo. Un film nobile, ambientato nella notte del 25 febbraio 1964, prevalentemente in una stanza, dove queste quattro leggende si confrontarono sui diritti civili e sulla lotta e la leadership all’interno della comunità nera. Ciascuno di loro prenderà consapevolezza del proprio ruolo politico in un’America ancora invasa da razzismo e pregiudizi. Disponibile su Amazon Prime Video

1 - Pieces of a Woman - Kornél Mundruczò (voto 9)
Un dramma sull’elaborazione del lutto, costituito da un prologo di mezz’ora incentrato su un piano sequenza mozzafiato, un’autentica immersione nell’odissea di una donna che sta attraversando un parto complicato. I restanti cento minuti si soffermano invece sulla ridefinizione della personalità della protagonista, vittima dello sguardo e del giudizio delle persone che la circondano. Virtuosistico, profondo e anti-retorico, il risultato è un salutare pugno nello stomaco, una riflessione sul corpo e sull’identità femminile che non concede letture scontate. Magnifica Vanessa Kirby. Disponibile su Netflix